Pagine

martedì 26 settembre 2017

Convegno UFO a Rho, nel Milanese

Domenica 1 ottobre 2017, dalle ore 15,00 alle ore 20,30, a pochi chilometri da Milano, ingresso gratuito, ci sarà un evento di quelli da non perdere. Il primo convegno città di Rho dal titolo “Ufo, fenomeno globale. Gli alieni vengono da Marte?”, Auditorium padre Reina – Via Meda,n. 20, con grandi ricercatori ed ufologi di prima grandezza nel panorama nazionale ed internazionale. “Oramai – spiega il C.UFO.M. in una nota – tutti ne parlano ed i media si stanno occupando con enorme interesse all’appuntamento. Questo evento avrà ospiti di primo livello nel panorama ufologico mondiale. Infatti, sarnno presenti, evento raro, ben 2 rapiti e contattati dagli alieni: Pierfortunato Zanfretta e Iwona Szymanska. Il caso Zanfretta, ex metronotte genovese, costituisce  un mito dell’ufologia ed uno dei più straordinari e documentati rapimenti alieni al mondo. Tanti indizi che portano ad una sola conclusione: probabilmente Pierfortunato è stato vittima di eventi inspiegabili razionalmente. Egli sostiene che è stato  rapito da una razza aliena denominata “Dargos” dall’aspetto non proprio rassicurante. La sua storia va avanti da decenni. Gli alieni gli avrebbero affidato una misteriosa scatola in un luogo misterioso dove solo lui può accedere. Racconterà tutti i particolari dei contatti con gli extraterrestri che tuttora si susseguono e sarà lieto di rispondere alle domande del pubblico. Ci sarà ance un’altra importante esponente di coloro che affermano di essere stati “contattati” dagli alieni. Si tratta della polacca Iwona Szymanska, che racconterà la sua incredibile storia di incontri con esponenti di un popolo extraterrestre insieme ad un altro ragazzino nell’infanzia. Mostrerà anche filmati di dischi volanti. Il Presidente C.UFO.M. dr. Angelo Carannante, con il suo spirito pragmatico di uomo di legge, illustrerà, con immagini tratte da casi indagati dal C.UFO.M., gli ultimi avvistamenti e parlerà della sua scoperta de “Il Gladiatore”, probabile struttura antropomorfa su Marte nei pressi della celeberrima Face on Mars. L’ing. Ennio Piccaluga affronterà la questione delle “presenze aliene nel sistema solare”, in un entusiasmante excursus alla ricerca di civiltà extraterrestri specie nel sistema solare. Sono stati scoperti tanti pianeti extrasolari adatti alla vita come la conosciamo, ci sono esseri intelligenti nel cosmo oltre all’uomo? E le possibili strutture artificiali su Marte, pianeti ed asteroidi nascoste dagli enti spaziali sono opera di alieni? Il prof. Alfredo Lissoni, scrittore e giornalista, con una preparazione in campo ufologico che in pochi vantano, interverrà con una relazione che è tutto un programma: “Ufo dossier segreti” in cui illustrerà la cappa di omertà che da sempre contraddistingue il fenomeno ufo. Dal canto suo, il prof. Emilio Spedicato, docente universitario, fisico, relazionerà su “ “Paradigma astronomico V.A.S:, per una visita da fuori il sistema solare”, mentre il dott. Berardino Ferrara, astrofilo e socio C.UFO.M., affronterà l’affascinante tema dei cerchi nel grano. Sono messaggi alieni? E se lo sono, qual’è il loro significato? Il Convegno è organizzato ed autofinanziato  dal C.UFO.M. in collaborazione con il Camper Club Rho e con il patrocinio del comune di Rho. Non sono previste prenotazioni. Per informazioni telefonare ai numeri 338/3283516 oppure 320/4659798. Data la prevedibile grande affluenza di pubblico si prega di raggiungere la sala convegni con un congruo anticipo.”
Per approfondire http://www.meteoweb.eu/2017/09/ufo-fenomeno-globale-gli-alieni-vengono-da-marte-domenica-1-ottobre-il-convegno-a-rho/975497/#HkB3okG2jpGr6Z1g.99

venerdì 11 agosto 2017

Milano, Barbato all'Agenzia della Mobilità

Antonio Barbato ha preso servizio da oggi come dirigente all'interno di Amat, agenzia che affianca l'Amministrazione nella gestione di mobilita', ambiente e territorio. Lo rende noto il Comune di Milano. In particolare Antonio Barbato, si afferma, in continuita' con l'esperienza maturata si occupera' di tematiche relative alla mobilita'.

giovedì 10 agosto 2017

Vaccini, il leghista Rolfi: “Modello Liguria da esportare anche in Lombardia”

La Regione Liguria sta seguendo un modello che ritengo giusto e di buon senso, che punta sul dialogo costruttivo e ad agevolare le famiglie, per questo motivo chiedo all’Assessore Gallera di seguirne l’esempio, esportandolo anche alla realtà lombarda.” Così il Presidente della Commissione Sanità e Politiche sociali Fabio Rolfi circa le modalità di attuazione del decreto Lorenzin su vaccini e iscrizione al Nido.
“Le famiglie – prosegue Rolfi – che sono in ritardo rispetto alla campagna vaccinale, e che quindi non sono ancora in regola con i vaccini circa quanto stabilito dal decreto Lorenzin per quanto concerne l’accesso a nidi, devono essere supportate e indirizzate nella giusta direzione.
Con il ‘modello Liguria’ basta la semplice prenotazione di una visita all'ATS per fare il vaccino, o anche solo per un confronto consultivo, per accedere comunque all’iscrizione agli asili. Ritengo che ciò sia fondamentale nel primo anno di applicazione della Legge, per evitare di espellere bambini dai nidi e quindi dal sistema educativo. Se da un lato è necessario fare quanto possibile per ridurre al minimo il numero di bimbi non vaccinati è altrettanto doveroso tenere conto di una semplice verità: i figli non devono pagare per le scelte dei genitori. Il bilanciamento di questi due punti fermi è fondamentale, specie in questa fase di transizione va posto in essere un passaggio capace di agevolare le famiglie, consentendo un approccio graduale di confronto e di informazione con chi ancora è refrattario. Si tratta della modalità migliore anche per convincere coloro che non sono ancora decisi circa la bontà dei vaccini.
Ritengo sia importante che Lombardia, Liguria e Veneto abbiano lo stesso sistema di applicazione del decreto Lorenzin, faccio quindi appello all’Assessore Gallera – conclude Rolfi – perché si attivi in questa direzione.”

mercoledì 9 agosto 2017

Siccità, il WWF: "Stoppate la caccia"

"L`esclusione di qualsiasi ipotesi di apertura anticipata della caccia a qualsiasi specie; il divieto di attività venatoria per tutto il mese di settembre per consentire agli habitat e alla fauna di recuperare condizioni fisiologiche soddisfacenti; una verifica dopo il mese di
settembre per valutare la situazione; un`azione capillare di contrasto al bracconaggio". È quanto chiede il Wwf in una lettera inviata al Ministro dell`Ambiente e ai presidenti di tutte le
Regioni italiane per chiedere una limitazione dell`attività venatoria nella stagione 2017-2018.

"Come noto, l`estate 2017 si sta caratterizzando con eccezionali ondate di calore e conseguenti temperature medie molto elevate. Al caldo si somma una drammatica e perdurante siccità (si stima che il deficit a luglio di quest`anno risulti del 45% rispetto alla media dello stesso mese del periodo 1970/2000). Per quanto riguarda gli incendi risulta che sono andati distrutti dal fuoco nel solo mese di luglio oltre 65.000 ettari, comprese estese zone particolarmente pregiate per ricchezza di biodiversità come quelle di Parchi, Siti Natura 2000 e Oasi. Al momento non pare che questa complessa situazione muterà favorevolmente". In Abruzzo nella sola settimana scorsa sono andati in fumo oltre 1000 ettari di boschi, macchie, prateria e diversi incendi stanno tuttora continuando a fare danni.

Spiega il Wwf nella lettera al ministro e ai governatori: "Un comprensibile allarme e` stato lanciato anche dalle associazioni degli agricoltori per lo stato di difficolta` in cui versano gli
animali da allevamento, a causa del caldo, della scarsità di acqua, di pascoli, di fieno. Se questa è la condizione degli animali allevati, curati dall`uomo, e` altamente plausibile che
il patrimonio faunistico nazionale si trovi in larga misura in una condizione di stress che lo rende altamente vulnerabile rispetto ad ulteriori diverse pressioni".

Nave Ong ferma al porto di Pozzallo

La nave della Ong spagnola Proactiva Open Arms, Golfo Azzurro, e' entrata senza alcuna autorizzazione nelle acque territoriali italiane facendo il suo ingresso nel porto di Pozzallo ed e' ferma in rada. Al momento non e' previsto alcun sbarco dei passeggeri e dell'equipaggio della nave che attende da 72 ore l'autorizzazione da parte delle autorita' italiane. Il comandante in seconda della Capitaneria di porto di Pozzallo Marco Tognazzoni conferma che "al momento non ha alcuna autorizzazione del ministero dell'Interno o delle Infrastrutture a far sbarcare le persone soccorse dalla nave dell'ong spagnola". Appare sempre piu' certo che vi e'' in un braccio di ferro diplomatico tra Malta e Italia nella gestione di questo salvataggio di tre cittadini libici che sarebbero a bordo della nave 'Golfo azzurro'. Tutta l'operazione di soccorso, infatti, secondo quanto si apprende, e' stata gestita dal Centro di coordinamento di Malta e dunque spetta alle autorita' di quel paese indicare il porto dove sbarcare.

Gli USA bombardano Raqqa ma colpiscono i civili

E' di oltre 20 civili uccisi il bilancio di raid aerei della Coalizione a guida Usa su Raqqa, roccaforte Isis nel nord della Siria, secondo attivisti e fonti locali. Le fonti forniscono una lista dettagliata di 22 nomi delle vittime, tra cui donne e minori, cadute sotto le macerie
di edifici a Raqqa colpiti nelle ultime 24 ore in raid aerei della Coalizione, che sostiene le forze curde nel nord della Siria. Raqqa e' da settimane sotto assedio da parte dei curdo-siriani ma la loro avanzata nel centro cittadino e' rallentata dalla resistenza dei jihadisti.